Cartelloni pubblicitari a Roma, “Due su tre abusivi rimozioni dimenticate”

Spread the love

La riforma della giunta Marino ferma da 2 anni. E l’assessore 5S pensa a una nuova delibera. Il Pd: “Perdono tempo

di PAOLO BOCCACCI

Invasione dei cartelloni pubblicitari, lo stato delle cose è da profondo rosso. I numeri sono impressionanti. Duecentocinquanta mila metri quadrati di spot che invadono Roma, di cui centomila in regola e 150 mila di affissioni abusive, anche quelle vietate di tre metri per quattro, che rimangono impunite perché ben due gare per la rimozione sono andate deserte. Con un incasso lo scorso anno di otto milioni e mezzo.

E tutto questo dopo anni dall’approvazione del Prip, il Piano regolatore impianti pubblicitari, votato dalla giunta Marino con l’assessore Marta Leonori nel 2014, poi, nello stesso anno, dall’assemblea capitolina. Ed ecco gli altri step: nel 2016 il commissario Tronca firma i criteri per i piani di attuazione per predisporre la gara di assegnazione degli spazi pubblicitari. Quindi nel novembre 2017 si approvano i piani di localizzazione ma delle gare per l’assegnazione degli spazi ancora nulla

Che cosa succederebbe se le nuove regole fossero operative? Il Piano riduce i metri quadrati di cartelloni a 60mila, con un massimo di tre metri per due per ognuno, senza però ridurre l’incasso per il Campidoglio, che anzi verrebbe aumentato, facendo pagare oltre al Cip, il canone di impiantistica pubblicitaria, anche un canone di concessione decennale, per un totale di almeno 40 milioni.

E ora per il Piano è in arrivo una nuova delibera. L’assessore 5 Stelle allo Sviluppo economico, turismo e lavoro, Carlo Cafarotti, vuole cambiare la forma dell’abbinamento con il bike sharing. Uno dei punti della riforma era la possibilità di destinare un numero limitato di impianti (circa 8.000 metri quadri di superficie espositiva) al finanziamento di un servizio di biciclette condivise: chi si sarebbe aggiudicato in esclusiva quegli spazi, in cambio avrebbe offerto gratis alla città il bike sharing. Mentre si aspettavano solo le gare per mettere in atto il provvedimento, dopo cinque anni dalla sua approvazione, l’assessore Cafarotti prevede invece che il sistema di bike sharing finanziato e gestito direttamente dalla pubblicità non vada bene.

“Non è un ricominciare da capo – spiega Cafarotti – Questa iniziativa, uno dei primi temi che ho affrontato, serve ad ottenere un valore aggiunto rispetto alle precedenti gestioni. Prima esisteva un lotto territoriale di bike sharing, ma gli uffici hanno ritenuto che la gestione diretta non sarebbe stata efficiente. Per questo massimizzeremo gli introiti della pubblicità, sganciandoli dal servizio contemporaneo di biciclette che organizzeremo poi a parte con quegli introiti La ratio è quella di creare condizioni ordinate ed efficienti nell’interesse della città”.

Che accadrà del piano? Ora arriverà la definizione dei lotti, nuovi impianti e un nuovo iter della delibera che andrà in Consiglio. Ma il ritardo non piace al Pd. ” Il Campidoglio – sottolinea il dem Athos De Luca – è ostaggio della lobby della pubblicità, perde milioni e servizi. E intanto riprende piede l’abusivismo. La nuova delibera è solo un modo per rimandare a chissà quando la riforma ” . Ribatte l’assessore: ” Ho iniziato da nove mesi e siamo già alla revisione della delibera. Se questa è lentezza per qualcuno, consiglio di andare a vedere bene il significato della parola lentezza “.

fonte:https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/03/08/news/cartelloni_pubblicitari_due_su_tre_abusivi_rimozioni_dimenticate_-220999338/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.