Visite Articolo:
111

Con la riprogrammazione delle risorse del Fondo sociale di coesione (Fsc) 2021-2027 saranno finanziati 29 interventi in materia ambientale per un totale di 13.475.610 euro. Il Cipess, infatti, ha dato il via libera alla seconda tranche del Piano stralcio della Regione Basilicata, pari a 83.435.625 euro.

“Per l’ambiente investiamo principalmente per il verde pubblico e il settore rifiuti, portando avanti le scelte programmatiche iniziate in questa legislatura. Incentiviamo così le buone pratiche per la tutela ambientale nella direzione di una migliore qualità della vita nei nostri centri urbani e incentivando una nuova cultura della sostenibilità“, ha detto l’assessore all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa 

Si procederà allo scorrimento della graduatoria nell’ambito dell’Avviso pubblico “Infrastrutture Verdi”, finanziando i progetti presentati dai Comuni di Ripacandida (450.176 euro), Viggianello (499.829 euro), Ginestra (493.869 euro), Brienza (499.546 euro), Castelsaraceno (250.000 euro), Pisticci (500.000 euro), Miglionico (411.000 euro), Pietragalla (250.000 euro), Aliano (499.953 euro), Gorgoglione (448.049 euro), Gallicchio (190.056 euro) Oliveto Lucano (224.650 euro), Episcopia (243.715 euro), Pomarico (400.000 euro), Vietri di Potenza (500.000 euro), Salandra (287.000 euro), Rionero in Vulture (500.000 euro), Tricarico (500.000 euro), Cirigliano (498.466 euro), Savoia di Lucania (399.298), Calvello (500.000 euro), San Mauro Forte (500.000 euro) e Paterno (390.000 euro).

Per il ciclo dei rifiuti, finanziando lavori nelle discariche e nelle piattaforme presenti sul territorio regionale, sono stati assegnati 135.000 euro al Comune di Anzi, 200.000 euro al Comune di Albano di Lucania, 135.000 euro al Comune di Pomarico, 3.000.000 euro al Comune di Matera, 70.000 euro al Comune di Rapolla e 500.000 euro al Comune di Venosa.