Visite Articolo:
90

L’empasse in cui si trova l’intero mondo dello sport lucano a causa della chiusura prolungata di impianti e circoli sportivi l’argomento dibattuto, alla presenza del presidente del Coni, Comitato regionale della Basilicata, Leopoldo Desiderio, nel corso dei lavori della quarta Commissione consiliare (Politica sociale), convocata in modalità telematica dal presidente Massimo Zullino (Lega).

Il presidente del Coni, Leopoldo Desiderio,  ha subito fatto notare “ i grossi problemi che vive lo sport lucano e la vetustà della legge di riferimento risalente al 2004 che, evidentemente, va rivisitata, oltre al fatto che la Consulta regionale dello Sport non si riunisce e, quindi, non si aggiorna da ben due anni”. Nel comunicare che, in tempi brevi, farà pervenire a tutti i consiglieri componenti della quarta Commissione una memoria scritta riguardante le varie criticità, Desiderio ha sottolineato “ l’esiguità dei fondi finora erogati dalla Regione Basilicata alle varie Federazioni sportive che ha creato non poche difficoltà di gestione e di condivisione degli eventi e delle pratiche da attuare al Comitato regionale lucano del Coni. L’auspicio – ha continuato – è che la Consulta si riunisca al più presto per iniziare a prendere in carico le tante problematiche sul tappeto e, soprattutto, che ci si adoperi per la convocazione di una riunione operativa tra organi sportivi e responsabili regionali per addivenire ad una reale soluzione atta a ‘riprendere’ e migliorare una situazione ormai insostenibile”.

“Lo sport lucano – ha detto Desiderio – ha bisogno del sostegno delle istituzioni per ripartire e contribuire fattivamente, come ha sempre fatto, alla armonizzazione dei tempi della vita di relazione. Le istituzioni, ad ogni livello, devono esercitare le proprie competenze e dare il proprio contributo, non solo economico, affinché i luoghi dello sport siano riattivati e riprendano il loro ruolo di incubatori di una vera dimensione di relazione di vita e volano per la crescita culturale e ricreativa dei giovani lucani ed anche delle generazioni più avanzate con l’età. Non si può fare sport a tutti i livelli – ha sottolineato Desiderio – se non vi è la volontà comune di progettare gli spazi e le infrastrutture, dislocando nel modo più consono i servizi finalizzati a favorire l’integrazione. L’uso del tempo per fini di solidarietà sociale, dunque, e in tale contesto, come recita la legge regionale 27 del 2004 succitata, la Regione deve adoperarsi per migliorare la funzionalità dei servizi, di concerto con tutte le amministrazioni pubbliche interessate, favorendo il coordinamento tra organismi pubblici e privati in armonia con le esigenze della società e della collettività regionale”.

Il presidente Zullino ha sottolineato “l’impegno a coinvolgere tutti gli attori interessati per dare vita ad una riunione che attenzioni tutti i problemi che attanagliano lo sport lucano legati a vicissitudini di carattere economico, aggravati pesantemente dalla pandemia in corso e accentuati dalle disattenzioni delle istituzioni nel corso degli anni. Un incontro congiunto – ha detto Zullino – per dare una sterzata repentina al mondo dello sport, vera locomotiva per la ripartenza e strumento basilare per l’attuazione delle politiche sociali”.

Il consigliere Bellettieri (Fi) ha parlato di “partecipazione fondamentale del presidente Desiderio, quale alto rappresentante dello sport in Basilicata, alla riunione dell’organismo consiliare per dare seguito concreto alla risoluzione delle criticità che impediscono alla popolazione lucana di praticare lo sport in modo corretto e continuativo. In questo momento particolare – ha affermato Bellettieri – occorre stare vicini ad un mondo, quello sportivo e ricreativo, che è e foriero di sviluppi positivi per le famiglie e per l’intera comunità. La Basilicata da sempre risponde, anche con risultati importanti dal punto di vista agonistico, alla chiamata dell’associazionismo che si manifesta a livello nazionale ed internazionale e l’attività sportiva deve sempre più rappresentare momento importante di aggregazione. Lo sport in ogni sua manifestazione e peculiarità – ha concluso – per il rilancio delle capacità intellettive e fisiche dei nostri giovani e per la ripresa dell’intera regione”.

Hanno partecipato ai lavori della quarta Commissione consiliare, oltre al presidente Zullino (Lega), i consiglieri Trerotola (Pl), Polese (Iv), Sileo (Lega), Bellettieri e Acito (Fi), Perrino (M5s).