Il Baccalà alla cappuccina è forse la più buona ricetta di pesce che c’è. Sprigiona i profumi del mare ed è cremoso e delicato. La vera ricetta è quella antica della Confraternita del Baccalà. Questo piatto infatti è stato creato dai frati cappuccini, ( da qui il nome) ed ha origini venete e friulane  ma si mangia spesso anche in Trentino. Il sapore è agrodolce in quanto prevede l’utilizzo di uvetta e cannella per un sapore davvero unico che una volta provato, rifarete sicuramente. vediamo quindi come si prepara.

Baccalà alla cappuccina, Ingredienti

  • 250 gr farina di mais
  • 2 tranci di baccalà ammollato e dissalato (circa 400 gr l’uno),
  • farina qb,
  • 2 cipolle bianche,
  • 2 foglie d’alloro,
  • 4 acciughe o alici sott’olio,
  • 1 stecca di cannella,
  • noce moscata qb,
  • 2 dl di latte,
  • 2 cucchiai di uvetta,
  • 2 cucchiai di pinoli,
  • pane grattugiato qb,
  • olio extravergine d’oliva qb,
  • sale e pepe qb.

Procedimento

Prima di iniziare la preparazione del baccalà alla cappuccina, prepariamo la polenta che deve essere il contorno obbligatorio di questo piatto. Insieme infatti formano una accoppiata davvero squisita. La farina di mais infatti vi servirà a pèreparare la polenta. Quindi mettete a bollore un litro di acqua e versateci dentro la farina di mais a pioggia mescolando energicamente con una frusta per circa un’ora. Quando la polenta sarà formata, bella densa ma senza grumi, mettetela in una pirofila da portata.

Fatto ciò iniziamo la preparazione del nostro baccalà alla cappuccina. Quindi sciacquate il baccalà sotto acqua corrente, poi puliteli togliendo la pelle e le lische ( mi raccomando accuratamente). Intanto mette sul fuoco una padella con olio extra vergine di oliva. Infarinate i tranci di baccalà e rosolateli nella padella e metteteli da parte. Siamo pronti quindi a preparare la farcitura del nostro baccalà.

Prendete le cipolle, sbucciatele e lavatele, quindi tagliatele a fettine sottili e fatele rosolare nella stessa pentola dove abbiamo fatto rosolare il baccalà. Aggiungete un mezzo bicchiere di acqua e fate appassire la cipolla. QUando l’acqua sarà evaporata aggiungiamo anche le acciughe tagliate a pezzettini, riposizionate in padella i tranci di baccalà e conditeli con le spezie ovvero la cannella, la noce moscata grattugiata e una sventolata di pepe.

Lasciate cuocere un paio di minuti e infine versate anche i pinoli, l’uvetta ( che avrete fatto prima ammollare in acqua calda per qualche minuto) le foglie di alloro e il latte. Lasciate tutto in cottura per altri 10 minuti a fiamma media. Prendete a questo punto la pirofila dove avevate messo la polent e adagiatevi sopra il baccalà con il condimento. Spolverate sopra una bella dose di pan grattato e mettete in forno a gratinare per circa 5 minuti. Il nostro Baccalà alla cappuccina è pronto per essere servito bello caldo. Buon appetito!

Leggi anche: Brandacujun di Benedetta, il baccalà più buono che c’è. La ricetta ligure facile e veloce. “Il trucco per farlo diventare cremoso”

baccalà alla cappuccina