Visite Articolo:
56

Avrebbe fatto parte della banda di ladri che, nella notte tra il 12 e il 13 febbraio 2020, ha commesso un furto in una gioielleria di Monopoli (Bari). Ad incastrare un 29enne della provincia di Foggia sarebbe stato un mozzicone di sigaretta lasciato sul luogo del colpo.

I carabinieri lo hanno arrestato con le accuse di furto aggravato e violazione della sorveglianza speciale. Il 29enne avrebbe raggiunto Monopoli nella notte del furto e, realizzando un grosso foro nel muro di un’abitazione confinante con una gioielleria, si sarebbe introdotto all’interno dell’esercizio commerciale, eludendone il sistema di allarme volumetrico e riuscendo a impossessarsi di numerosi articoli di oreficeria e gioielli.

Come detto, gli investigatori hanno raccolto il profilo genetico ottenuto da un mozzicone di sigaretta trovato durante il sopralluogo nell’esercizio commerciale derubato.