Visite Articolo:
91

A Matera, nel Polo Museale di Palazzo Lanfranchi, dal 21/04/2021 ore 09.00 al 22/04/2022 ore 13.30 si svolgerà l’evento L’arte è scienza, la scienza è arte! L’archeometria : una scienza trasversale.

Entrare “dentro” una ceramica antica per scoprire come è fatta. Conoscere cosa c’è all’interno di un impasto e qual è il materiale di cui è formata una ceramica antica, da dove proviene questo materiale e qual è la tecnologia che in passato hanno usato per produrla. Scoprire di cosa sono fatte le decorazioni e cercare di capire quali sono gli elementi chimici, i cromofori, responsabili dei colori di una decorazione per trasformare, attraverso la tecnologia, le decorazioni in vere proprie opere d’arte contemporanea. Tutto questo ed altro  il 21 e 22 aprile a partire dalle ore 09:00 presso il Polo Museale di Matera – Palazzo Lanfranchi, durante l’iniziativa L’arte è scienza, la scienza è arte. “L’archeometria: una scienza trasversale”.

Due giornate dedicate a studenti di scuola media e di licei, cittadini curiosi ed affamati di conoscenza, esperti del settore. Una conferenza in presenza realizzata attraverso seminari e attività divulgative (09:00-13:30), una installazione multimediale,  proiezione di audiovisivi sull’archeometria e su come si articola lo studio archeometrico di una ceramica antica o una malta, dalla selezione dei frammenti all’acquisizione dati composizionali mediante tecniche di indagine archeometrica ed archeobotanica.

Una “realtà immersiva” diversa, fatta di mappe di distribuzioni di metalli di decorazioni ceramiche acquisite con le diverse tecniche spectroscopiche oltre che audiovisivi creati ad hoc dalle ditte produttrici delle strumentazioni di uso per le analisi archeometriche, quali la Bruker, per la micro-XRF, la Termo Fisher Scientific, per il micro-Raman e l’IR e dall’Istituto di metodologie per l’analisi ambientale (Cnr-Imaa) per la diffrazione di raggi X e il microscopio elettronico a scansione. La presentazione ed il collegamento tra gli audiovisivi sarà a cura della dott.ssa Paola Di Leo del Cnr-Imaa.