Lo sappiamo, siete di nuovo alle prese con i regali di Natale e non avete ancora depennato tutti i nomi sulla vostra lista. Ogni anno la stessa storia: non è facile trovare idee che siano belle, originali, e che al tempo stesso non costino un occhio della testa. Allora, dato che è risaputo che noi italiani pensiamo sempre a mangiare e parliamo di cibo ogni giorno, sia quando siamo seduti a tavola che non, le opzioni “vincenti” per evitare il rischio “regalo-brutto” sono due: prodotti gastronomici, oppure… libri sul cibo!

Sì, ma quali? A questo pensiamo noi: abbiamo raccolto 5 libri sul cibo da regalare a Natale, pubblicati proprio nel 2022, che accontentano i gusti di tutti, dall’amico/a che desidera ricreare piatti d’autore alla nonna che vuole scoprire i retroscena e le curiosità dei piatti più insoliti. Non vi resta, quindi, che segnarvi questi titoli e correre subito in libreria!

Libri sul cibo da regalare a Natale usciti nel 2022: 5 consigli

Un libro per appassionati di gelato, un fumetto per preparare i famosi dumpling orientali, pranzi “d’autore” per palati raffinati e molto altro: ecco 5 consigli libreschi per regali curiosi e di qualità, con cui farete senz’altro bella figura. Se questi non dovessero bastarvi, potete sbirciare anche la lista di libri selezionati lo scorso anno, sempre valida. Perché, com’è che si dice, “l’acquolina vien leggendo”, giusto?

Pranzi d’autore di Oretta Borganzoni (minimum fax)

minimum fax

“Che sia questa la virtù segreta di Pranzi d’autore? Che sia come una crema che lenisce ustioni e punture, come una pozione che calma gli organi interni?”: così scrive nella postfazione Davide Orecchio, figlio dell’autrice Oretta Bongarzoni, storica giornalista di Paese Sera scomparsa nel 1995. E in effetti questo libro è proprio ciò che promette, e anche di più. Ripubblicato in una nuova e accattivante veste grafica, questo titolo raccoglie le ricette letterarie e nasce con l’intenzione di “scovare il cibo fra le pagine di libri che, per così dire, «pensano ad altro»”. Dalle triglie fritte all’algerina di Albert Camus ne Lo straniero, alle melanzane de L’Amore ai tempi del colera di Gabriel García Márquez, fino alla marmellata di lamponi citata in Anna Karenina di Lev Tolstoj: ogni ricetta è accompagnata da una meravigliosa illustrazione di Agnese Pagliarini e da un focus sull’autore/autrice e sul libro da cui è stata ricavata, con citazioni, curiosità, aneddoti e… molto altro!

Il libro giusto per:

Chi cerca il regalo perfetto che unisca letteratura e cibo, chi vuole riscoprire i grandi classici che hanno fatto la storia in maniera nuova, chi vuole regalare un ricettario originale e davvero sfizioso con cui preparare pranzi e cene degne di Premi Nobel.

Piccolo atlante dei cibi perduti. Storie di cucina dimenticata di Alberto Capatti (Slow Food Editore) 

Slow Food Editore

In Italia, quando parliamo di cibo e di cucina in generale, associamo spesso una parola: tradizione. Una tradizione che viene trasmessa nel tempo, con continuità e genuinità, spesso dalle nonne, simbolo della cucina di casa… ma è davvero così? Da dove vengono moltissime delle ricette, preparazioni, ingredienti, appunto, tradizioni, che sono giunte fino a noi? È quello che indaga niente di meno che Alberto Capatti, storico gastronomico e primo rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. La prima parte del libro raccoglie 80 schede di cibi in qualche modo “dimenticati, persi nel tempo e che invece fanno parte del nostro tessuto alimentare: “Si può invece cercare questi cibi perduti molto lontano nel tempo, essendo irreperibili se non in qualche manoscritto tardo-medievale o in un ricettario stampato a Venezia nel XVI secolo”. E quindi, via alla scoperta di brustulli, brodo di sassi, allodole in salmì, “sogliole al ferro da stiro” e pennette alla vodka, fino allo yogurt usato come rimedio post-sbornia tra ricette, curiosità e indagini storiche!

Il libro giusto per:

Chi vuole entrare nella «stanza delle meraviglie» della gastronomia italiana, chi segue ancora i consigli e i rimedi della nonna e vuole scoprirne di nuovi, chi ama sciogliere nodi e non ha paura di scavare indietro nel tempo.   

Il gelato in 101 domande di Andrea Bandiera, Andrea Soban, Lucca Cantarin, Giovanna Musumeci e Paolo Brunelli (Italian Gourmet)

Italian Gourmet

Chi lo dice che durante le Feste bisogna mangiare solo pandori e panettoni? Ecco un titolo davvero goloso, dedicato al dolce italiano più buono che ci sia: il gelato! Ma come fare un buon gelato? Questa semplice domanda è il punto di partenza di questo libro in cui Andrea Bandiera, Paolo Brunelli, Lucca Cantarin, Giovanna Musumeci e Andrea Soban – cinque maestri gelatieri italiani e alfieri della cultura italiana del gelato – raccontano la loro esperienza professionale e, soprattutto, svelano segreti, trucchi, problematiche che riguardano questo dessert. Dalla bilanciatura alla scelta dei mantecatori, dagli ingredienti ai metodi di produzione, fino alle ricette: 101 domande per scoprire tutto – ma proprio tutto – quello che riguarda il gelato! 

Il libro giusto per:

Chi al gelato non rinuncia mai, nemmeno quando fuori ci sono 2 °C, chi ama il gelato fatto in casa e vuole diventare un professionista, chi è curioso e non si accontenta mai di fare domande.

Il chilometro consapevole di Carlo Petrini e Carlo Catani (Slow Food Editore)

Slow Food Editore

È possibile capire se e quanto un prodotto sia buono, pulito e giusto? Questa la domanda che troviamo in quarta di copertina e da cui sono partiti i due autori. Una domanda importante, a cui anche noi del Giornale del Cibo abbiamo cercato di rispondere più volte, in diversi approfondimenti. La sostenibilità è uno dei due cardini attorno a cui ruota questo libro, che diventa una sorta di strumento prezioso per orientarsi nella definizione di un concetto che spesso rischia di diventare un’etichetta “vuota” e superficiale. L’altro è la consapevolezza, intesa come presa di coscienza, cognizione di ciò che ogni consumatore – definito come co-produttore – ha di sé stesso e con sé stesso in rapporto al mondo che lo circonda. Non a caso, gli autori parlano di “chilometro consapevole”, andando a definire anche cosa significa realmente “km 0”, sfatando qualche mito e analizzando qualità del prodotto e produzione, costi economici e ambientali del cibo che portiamo sulla nostra tavola. Un libro importante che, grazie a ricerche, studi, approfondimenti, 29 interventi e contributi firmati da ricercatori, scienziati, attivisti e chef, prova a “misurare” la reale sostenibilità di un prodotto gastronomico a 360 gradi. 

Il libro giusto per:

Chi crede che le nostre scelte abbiano un peso, anche e soprattutto a tavola, per chi cerca un manuale per muoversi nel labirinto di definizioni, etichette vuote e marketing, chi sa che mangiare bene significa anche mangiare buono, per l’ambiente e le persone.

Dumplings. Un libro di cucina a fumetti di Hugh Amano e Sarah Becan (Quinto Quarto)

Quinto Quarto

Tutte le strade del raviolo portano in Cina, e proprio ai ravioli cotti al vapore, bolliti o saltati della cucina cinese, chiusi a mezzaluna plissettata o a fagottino, è dedicato questo curioso libro. Anzi, sarebbe più corretto dire fumetto. Ebbene sì, perché come svela già anche il titolo, si tratta proprio di un “libro di cucina a fumetti”, in cui Hugh Amano e Sarah Becan, rispettivamente autrice e illustratrice, ci portano nel magico mondo dei dumplings tra – è proprio il caso di dirlo – una tavola e l’altra. Come si preparano i ravioli più famosi e prelibati del mondo orientale? Quali ingredienti e utensili servono? Come farcirli? Come chiuderli? Come cuocerli? Con quale salsa accompagnarli? Tranquilli, questo libro darà una risposta a tutte le vostre domande e vi permetterà di diventare dei ninja nella preparazione di wonton, potstickers, bao, momo e così via!

Il libro giusto per:

L’amico/amica in fissa con la cultura orientale, chi crede che la cucina sia incontro e scoperta con altre culture, chi cerca un ricettario decisamente diverso dal solito, chi vuole imparare con spirito libero e giocoso a preparare i famosi dumplings.

Avete altri libri sul cibo da consigliarci? Lasciateci un commento!